IUPPITER GROUP | MEDIA • IuppiterNews • Iuppiter TV • Chiaia Magazine • La rivista del mare | LIBRI • Catalogo • Store
 
CHI SIAMO
HOME
NEWS
OBLO'
LE ATLANTIADI
TESORI MEDITERRANEI
CAPITANO MIO CAPITANO
DIMENSIONE BLU
OLTREMARE
LA CAMBUSA
MARE E LETTERATURA
LE PERLE
LE CONCHIGLIE
INSENATURE

  perle


 
Musica/La faccia del mare
Un Ranieri inedito nei panni di Ulisse
di Gianluca Massa
03.08.2008
Il viaggio di una vita. Una lunga odissea tra mare e amore. Massimo Ranieri come Ulisse per un disco dai sapori epici e sfacciatamente romantici: La faccia del mare (Odyssea). Ed è appunto il poema di Omero ad ispirare questo concept-album del 1978, che a molti è rimasto sconosciuto ma che vale la pena scoprire. Artefici di questo capolavoro sono soprattutto Pallavicini e Guarneri, autori rispettivamente di testi e musiche, che scrivono un disco in perfetta sintonia con le corde vocali ed interpretative di Massimo Ranieri. La storia è quella propria del poema omerico, raccontata con canzoni pop, spesso dai toni teatrali, sorrette dagli ottimi arrangiamenti orchestrali, in cui Massimo Ranieri diventa un Ulisse moderno alla ricerca di se stesso e della sua libertà. Ma si sa che “Partire è un po’ morire”, come canta nell’iniziale Il cuore del mare. La sua Penelope resta ad aspettarlo sulla riva mentre i suoi “occhi danzano sul mare in un tramonto arancio che davvero intenerisce il cuore”. Al suo ritorno c’è il cane Argo ad accoglierlo, “vecchio fedele e meraviglioso Argo” che gli muore tra le braccia, mentre i pescatori tirano su le reti e cantano la canzone di Stephanos. Stephanos è uno dei migliori brani del disco, che fa commuovere per la straordinaria interpretazione di Ranieri, che recita uno strappalacrime dialogo con Argo, mentre un coro intona la storia del pescatore Stephanos che, per “cercare una donna che non avesse cuore che per lui”, attraversa sette mari fino a farci sprofondare il cuore. Il mare è la fonte ispiratrice dell’intero disco. Un mare che sembra vivo, così pigro e debole, che appartiene a donne e marinai, a chi ha il coraggio di attraversarlo e di sfidarne i suoi pericoli. Un mare che Massimo Ranieri porta dentro per tutto il viaggio. “Io ho la faccia sua lui mi è cresciuto dentro” canta: la faccia del mare di Napoli, di quel golfo che ha sempre vissuto, bello come nessun altro. Neanche l’oceano riesce ad eguagliare la sua bellezza: “il mio non assomiglia, sai, a questo tuo mare”: solo chi lo vive (o l’ha vissuto) può sentire ovunque la sua mancanza. Un mare che Ranieri non sa dimenticare, neanche nella grande New York City, tra abbagli di neon ed alti palazzi di cemento. I ricordi dei suoi esordi, quando andò in America a cercare fortuna, sembrano riaffiorare in questo brano aggressivo e travolgente, in cui Massimo Ranieri denuncia di tradimento la “Grande mela”. In un mondo in continuo mutamento tecnologico, fatto di “rose meccaniche” ed un “cielo artificiale”, in cui le sirene incantatrici diventano dei dirottatori e l’isola dei Lotofagi sembra essere come un acquario stretto e fumoso, l’unica cosa che rimane immutata è appunto il mare. Una vita fatta di naufragi, di partenze e ritorni… una vita fatta di successi. Infatti sono 40 anni che Massimo Ranieri vive sulla cresta dell’onda, completandosi giorno dopo giorno, ed ottenendo soddisfazioni sia dal teatro che dal cinema, ma soprattutto dalla musica. E questo disco è la dimostrazione di cotanta bravura, in cui Ranieri è un po’ cantante e un po’ attore… un po’ Giovanni Calone e un po’ Ulisse. Ed è un peccato che La faccia del mare (Odyssea) sia sempre rimasto solo un 33 giri, dimenticato nella lunga lista dei suoi successi. Un disco raffinato che non troverete sugli scaffali dei negozi di musica… una chicca, una perla, un capolavoro.
 
  LA FACCIA DEL MARE (1978)
  • Introduzione
  • Il cuore del mare
  • New York City
  • La faccia del mare
  • I lotofagi
  • Penelope
  • Dirottamento
  • Stephanos
  • Sole sulla banda
  • Odissea
  • Finale
 
        indietro
 
larivistadelmare.it è un progetto IUPPITER GROUP tutti i diritti sono riservati p. iva 07969430631 - 2005/2014